La polizia olandese raccoglie da tempo l’origine etnica dei suoi dipendenti per assicurare la diversità all’interno delle forze dell’ordine, ha detto Lute Nieuwerth al Volkskrant.

Secondo Nieuwerth, l’archivio dei dipendenti è stati pensato in modo tale da non ricondurre all’identità degli individui. La registrazione serve ad avere consapevolezza di chi opera all’interno delle forze dell’ordine, ha detto.

L’obiettivo del capo nazionale della polizia, Erik Akerboom, è che un quarto delle nuove reclute sia di minoranza.

Nei Paesi Bassi, è ufficialmente illegale registrare la provenienza dei dipendenti, ma un portavoce dell’autorità olandese competente in materia di dati personali ha riferito al Volkskrant che tali informazioni posso essere registrate se davvero non è possibile rintracciare l’identità della persona.