Sex workers e operatori nel settore del sesso difficilmente ottengono un mutuo o un conto aziendale con qualsiasi banca olandese. Questo dato è evidente dalla ricerca del programma KRO-NRCV Pointer. Le banche temono di facilitare lo sfruttamento e la tratta di esseri umani, dice NOS, e così il niet è la regola.

Pointer ha esaminato i criteri e le condizioni di accettazione presso quattordici banche: di questi, solo la banca online Knab afferma che le sex workers sono benvenute come clienti per la banca ma esclusivamente a determinate condizioni. La prostituta deve essere una lavoratrice autonoma, avere almeno 21 anni e avere un passaporto o un permesso di soggiorno UE. Gli altri operatori del settore non sono ammessi a Knab.

“C’è un aumento del rischio di sfruttamento sessuale nell’industria del sesso”, afferma ASN Bank, che, come SNS, rifiuta esplicitamente le prostitute. A Triodos, tutto ciò che riguarda la pornografia non si qualifica per un conto aziendale.

“Non c’è quasi spazio per le persone che vogliono organizzarlo in modo legale”, dice a Pointer il Centro informazioni sulla prostituzione di Amsterdam PIC. “Non si tratta solo di banche, questo vale anche per gli assicuratori e gli istituti di credito per un muto”.