The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Discovery Festival: geek della scienza che sanno divertirsi



di Francesca Spanò

Chi pensa che la scienza sia noiosa non conosce il Discovery Festival, che per l’edizione 2015 intratterrà geek e festaioli di Amsterdam: domani, 25 settembre dalle 21.00 di sera fino alle 4.00 del mattino.

Il Discovery, nato nel 2006, è frutto della collaborazione di sei giovani scienziati cui mancava qualcosa: una serata che dimostrasse come scienza e intrattenimento, lungi dall’appartenere a universi separati, formino invece un mix ideale.

Sì perché arte, musica e speculazione scientifica devono soddisfare gli stessi criteri di qualità, sia nella forma che nel contenuto. A programmi scientifici indipendenti e innovativi, sviluppati con rigore dagli scienziati, si affianca così un’organizzazione culturale e musicale affidata a esperti del settore.

Location prescelta per quest’anno, naturalmente, il  Nemo, che si prepara a ospitare la nona edizione dell’evento. Secondo gli organizzatori, la comprensione reciproca dei due mondi, solo apparentemente distanti, è incoraggiata dal confronto tra scienziati, artisti, pensatori e visitatori curiosi.

Come? Attraverso un programma che spazia dalla proiezione di corti a conferenze istituzionali (come quella dell’Institute of Network Cultures dell’ Hogeschool van Amsterdam, per citarne una), fino alle dimostrazioni di tecnologia.

Il tema dell’intelligenza artificiale sarà, poi, al centro dell’evento riassunto nella domanda “Who’s in control?”. Le menti umane che hanno creato le macchine o queste stesse che, a volte, superano gli i creatori in velocità di calcolo e rapidità di esecuzione?






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!