The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Source pic: Jeroen Akkermans via Flickr  Licence:  CC2.0 Some rights reserved 

Solo il 55% dei cittadini russi ritiene che il loro paese debba risarcire i danni alle famiglie delle vittime dell’aereo MH17 abbattuto in Ucraina nel 2014. E la maggioranza dei cittadini pensa che la Russia non sia responsabile del disastro. Dopo l’incidente, Mosca è stata sanzionata per aver violato la legge internazionale in Ucraina e Crimea e l’esercito ucraino è sospettato di aver avuto un coinvolgimento nell’abbattimento del volo della Malaysia Airlines.

Il volo MH17 della Malaysia Airlines da Amsterdam a Kuala Lumpur è stato abbattuto mentre sorvolava la zona orientale dell’Ucraina il 17 luglio 2014. 298 persone, tra cui 196 olandesi, sono morte. A giugno 2019 l’ente investigativo (JIT) ha annunciato il processo inizierà il 9 marzo 2020 e durerà un anno circa. Igor Girkin, Sergey Dubinskiy, Oleg Pulatov e l’ucraino Leonid Kharchenko sono sospettati di aver fatto partire il missile che ha abbattuto l’aereo. Saranno perseguiti legalmente per lo schianto dell’aereo e per la morte di tutte le persone a bordo. Fonti dell’intelligence affermarono che i separatisti filo-russi avevano abbattuto l’aereo utilizzando un missile terra-aria Buk lanciato dal territorio sotto il loro controllo.

Secondo il JIT la Russia non ha intenzione di collaborare alle indagini, rifiutando persino di cedere le registrazioni. “Adesso abbiamo le prove che la Russia è colpevole della tragedia,” afferma il pubblico ministero olandese Fred Westerbeke. A febbraio 2020 l’Olanda forzerà la Russia a collaborare, perseguendo legalmente i tre sospettati russi.