The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Dirigenti scolastici NL: carenza di insegnati causa crisi coronavirus

La crisi del coronavirus ha reso ancor più evidente la carenza di insegnati nelle scuole olandesi, che già da anni affligge l’Olanda, secondo l’associazione generale dei dirigenti scolastici AVS.

Ancora meno insegnati sono disponibili a causa delle quarantene e dei lunghi tempi d’attesa per ottenere i risultati dei loro test Covid-19.

L’AVS ha rilevato, in un sondaggio di 600 dirigenti scolastici, i dirigenti stanno avendo problemi per trovare dei sostituti in tempo.

Il sondaggio ha mostrato che l’83% dei dirigenti scolastici è preoccupato di non avere abbastanza personale. L’8% non ha potuto coprire tutti i posti vacanti per il nuovo anno scolastico. “Oltre alla normale carenza di personale nelle scuole, ora non ci sono insegnati nei gruppi a rischio, con sintomi lievi o contaminazione effettiva. È molto difficile trovare un sostituto.”, ha detto il presidente dell’AVS Petra van Haren in una dichiarazione.

Il consiglio del governo è di fare il test per il Covid-19 se mostri dei sintomi. Ciò include febbre, mancanza di respiro, tosse o naso che cola. Le persone devono isolarsi da sole a casa finché non ottengono i risultati dei loro test.

Poiché i sintomi del coronavirus sono simili al raffreddore o all’influenza, si prevede che la necessità di essere testati e di isolarsi aumenti con l’avvicinarsi dell’inverno.

Secondo il sondaggio AVS, il 4% degli insegnati che sono stati testati per il Covid-19 ha ottenuto i risultati entro 24 ore. Il 69% ha aspettato dalle 24 alle 48 ore e il 13% da 48 a 72 ore.

Inoltre, alcuni insegnanti sono attualmente in quarantena perché sono rientrati dalle vacanze in posti ad alto rischio di coronavirus.

Il PO-Raad, consiglio delle scuole primarie dei Paesi Bassi, ha confermato le preoccupazioni dell’AVS a NU.nl. Il PO-Raad, insieme ai sindacati degli insegnati e al VO-Raad per le scuole secondarie, ha già invitato il governo a dare la priorità anche agli insegnati nei test Covid-19, in modo che possano ottenere i loro risultati e, si spera, tornare al lavoro il più rapidamente possibile.