Immunità di gregge? Secondo il direttore di RIVM, Jaap van Dissel, durante un’audizione alla camera, non sarebbe una priorità. L’approccio olandese è stato classificato come “incentrato sullo sviluppo dell’immunità di gregge” e ha affrontato molte critiche da parte dei media e della politica internazionale.

Tuttavia, ha detto alla Tweede Kamer Van Dissels, l’immunità di gregge renderebbe più forti altre misure e nel frattempo, un vaccino potrebbe essere sviluppato per proteggere tutti.

“Si tratta di combattere il virus e proteggere i gruppi vulnerabili: anziani e persone in cattive condizioni di salute”, ha affermato ancora Van Dissel. Un equilibrio, ha detto, deve essere trovato tra chiudere tutto e un approccio in cui si tenta di controllare il virus il più possibile. Il direttore dell’Istituto olandese si è detto contrario al lock-down perchè non risolverebbe il problema alla radice.

Per Van Dissel, ci sarebbe ben poca differenza tra gli approcci dei paesi europei: “Alcuni paesi affermano di essere in lock-down, ma se guardi le misure che stanno adottando, in realtà non lo sono”, ha detto.