L’Amsterdam Moam cesserà di esistere. Gli sponsor non vogliono più avere nulla a che fare con l’istituzione della moda, dopo che il direttore Martijn N. è finito sulla stampa per uno scandalo di abusi sessuali all’inizio di quest’anno, dice AT5.

La fondazione ha reso pubblica la situazione attraverso un comunicato stampa. L’uomo è stato sospeso dopo articoli di NRC e Het Parool. Anche l’agenzia di ricerca forense di Haarlem Integis, ingaggiata dalla fondazione per accertare le responsabilità, parla di un “ambiente di lavoro non sicuro” dopo diversi colloqui con (ex lavoratori) coinvolti.

Il board di Moam dichiara che gli esiti dell’indagine costituiscono motivo per porre fine alla collaborazione con N.

Venti uomini, dieci dei quali minorenni, lo hanno accusato di stupro, aggressione con l’aggravante della cessione di droga e/o aggressione.  Per l’inchiesta, i giornali hanno parlato con 146 persone coinvolte e raccolto testimonianze, documenti (come conversazioni su Facebook e WhatsApp), foto e una denuncia alla polizia.

N. è molto conosciuto nel mondo del fashion:  ha fondato Moam nel 2013, dopodiché ha sfondato con i grandi nomi della moda. Ha collaborato con Viktor & Rolf, il Rijksmuseum e Hema. Quest’ultimo aveva una sua linea di abbigliamento.

NH e AT5 hanno precedentemente condotto ricerche sulla scuola di moda AMFI, dove N. ha frequentato la scuola.