L’assessore Groenlinks di Alphen Aan Den Rijn, Erik van Zuylen ,si è scusato su Facebook per il suo ruolo nel ‘dildo gate’ della cittadina:  l’assessore aveva chiesto alla biblioteca se un vibratore di 25 anni non potesse essere collocato altrove, dopo che un consigliere del Sgp -Partito cristiano confessionale- si era offeso per la presenza del sex toy, un’opera d’arte parte di un’istallazione, spiega Omroepwest.

L’assessore si scusa per aver chiesto di rimuovere l’oggetto; la giustificazione era che anche molti bambini  vanno in biblioteca e ciò era, secondo lui, motivo sufficiente per chiederne lo spostamento altrove, spiega Van Zuylen nel suo post su Facebook. ‘

Guardando a ritroso, non era tuttavia necessario: i vibratori si trovano anche da Kruidvat, dove vanno regolarmente i bambini. Inoltre, è salutare parlare di sesso con i bambini in modo sobrio se hanno domande al riguardo.’

Nel frattempo, l’assessore ha preso le distanze dalla sua precedente azione: ‘A volte l’arte può scioccare e provocare una discussione, che è proprio una delle funzioni della cultura nella società. I politici devono starne alla larga. Ecco perché sono lieto della reazione dell’artista e del direttore della biblioteca al trambusto che è sorto, in cui si battono fermamente per il valore dell’arte.’

Van Zuylen accoglie con favore anche le critiche del consiglio comunale sulle sue azioni: secondo l’assessore, gli artisti possono presumere che la maggioranza del consiglio comunale li sosterrà in futuro. Inoltre, la discussione sul vibratore mostra, secondo il politico, che il “Corno del tempo” -questo il nome dell’istallazione- è un progetto  più che riuscito.

Van Zuylen si rammarica di aver acceso il dibattito politico inviando la sua richiesta alla biblioteca. ‘Tuttavia, aver agitato la querelle è stato un errore da parte mia, e me ne scuso. Penso che René Driesen abbia notato chiaramente che a volte mi affido troppo a un modello di armonia’, afferma l’assessore, riferendosi alle critiche del leader del partito GroenLinks ad Alphen, alla sua eccessiva morbidezza sull’argomento.

Se possiedi tu stesso un oggetto speciale per il Corno del Tempo, puoi consegnarlo in biblioteca fino al 7 novembre. Dopodiché, il corno sarà di nuovo chiuso per altri 25 anni.