photo: ASMLA

Un richiedente asilo iraniano ha già affermato prima dell’assassinio dell’attivista politico Ahmad Mola Nissi all’Aia nel 2017 che i servizi segreti iraniani volevano uccidere Nissi. Un’indagine del programma Argos mostra che questo richiedente asilo iraniano sarebbe stato in precedenza un emissario del regime di Teheran, inviato per organizzare l’esecuzione, dice Omroepwest.

Nissi è stato ucciso l’8 novembre 2017 all’età di 52 anni sulla strada di fronte alla sua casa in Jan van Riebeekstraat nel distretto di Bezuidenhout. Il killer non è mai stato catturato. Secondo i Paesi Bassi, ci sono forti indicazioni che dietro l’omicidio ci sia l’Iran.

I documenti dell’IND che Argos ha visto mostrano che M. è stato ascoltato dal servizio  immigrazione nel maggio 2016 e nell’aprile 2017 e che M. ha parlato entrambe le volte della sua missione e dell’intenzione iraniana di uccidere Nissi. L’IND e l’AIVD non rispondono alle domande su M. e non dicono se la sua storia è stata presa sul serio, secondo Argos.