Quasi 40 scooter per anziani e disabili sono stati rubati a l’Aia nelle ultime settimane. Secondo Medipoint, la società che fornisce i veicoli per conto del comune, di solito il furto si limita ad un paio al mese. Perché questo improvviso interesse dei ladri per questo mezzo indispensabile per persone con problemi di deambulazione?

“Abbiamo visto in altre parti del paese, a est, che negli ultimi anni, c’è stato un improvviso aumento dei furti di scooter per disabili. Ma non su questa scala al l’Aia “, afferma il manager René Martens di Medipoint a Omroepwest.

Secondo lui, i furti vengono commessi solo al l’Aia: supermercati o aree comuni di blocchi di appartamenti dove vivono anziani, sarebbero i luoghi da dove sono spariti più scooter.

Medipoint, dice il portale di Den Haag, noleggia gli scooter al comune dell’Aia, che li fornisce agli utenti in base alla legge sul sostegno sociale. Secondo il direttore dell’azienda, che è responsabile –in base agli accordi con il comune- nel caso di furto, non c’è una ragione del perché di questa ondata di furti.

“Potrebbero essere rubati per le batterie. Valgono centinaia di euro. E il piombo contenuto nelle batterie potrebbe anche essere utile per un criminale”, dice a Omroepwest.

Difficile tracciare il fenomeno perché la polizia non tiene registri separati per questi mezzi ma li include sotto “ciclomotori e scooter”.