Tesserini stampa, o no, due giornalisti del quotidiano AD e un altro martedì in giornata, sono stati arrestati dagli agenti mentre coprivano le proteste del gruppo ambientalista Extinction Rebellion, dice NOS.

Uno dei giornalisti arrestati è l’ex caporedattore di AD Hans Nijenhuis, un nome noto in Olanda, in auto insieme ad un cameraman e ad alcuni attivisti che volevano bloccare un’arteria di Den Haag. Il blitz degli agenti, eseguito con diversi autobus e blindati, è scattato sulla base di informazioni che la polizia aveva:

“Avevamo appena terminato il parcheggio quando siamo rimasti bloccati a un incrocio”, ha detto il giornalista di AD su NPO Radio 1. “Da circa sette autobus e auto della polizia da cui sono scese una trentina di persone. Hanno fermato i furgoni e hanno detto: “Tutti quelli nei furgoni sono in arresto”.

Anche se Nijenhuis e il suo collega, Marco de Zwart, si sono subito identificati come giornalisti con un tesserino stampa approvata dalla polizia e hanno chiarito di essere  a lavoro, sono stati arrestati e le loro attrezzature confiscate.

Solo dopo due ore, davanti al pubblico ministero, qualcuno è entrato e ha confermato che i due erano davvero dalla stampa.

Nijenhuis è deluso. “Sono piuttosto un fan della polizia. Quelle persone cercano di proteggerci, ma abbiamo anche i media nei Paesi Bassi e dovrebbero essere in grado di fare il loro lavoro. Questo non è giusto”.