Diverse decine di persone si sono unite a una marcia silenziosa in memoria di Pawel Bernat, un lavoratore migrante polacco ucciso da un gruppo di ragazzini che lo ha spinto sotto un tram, dice AD.

La marcia non è stata solo un omaggio alla vittima, ma anche una protesta contro la violenza contro i senzatetto.

La manifestazione è stata organizzata dalla fondazione Samen Onze Solidariteit (SOS), che offre aiuto ai lavoratori migranti dell’Europa centrale e orientale.

La Fondazione SOS è stata fondata dall’ex ufficiale di polizia e politico Hero Brinkman che ha guidato la marcia silenziosa con la moglie polacca Monika Maczka. “Ho notato che c’è un crescente odio e discriminazione contro i lavoratori migranti dell’Europa orientale”, ha detto all’inizio della marcia.

La manifestazione non è stata solo un omaggio alla vittima, ma anche una protesta contro la violenza contro i senzatetto.

“In precedenza aveva lavorato nei Paesi Bassi e poi è andato in Germania dove aveva appena una casa”, ha detto ad AD un amico di Pawel che era tornato nei Paesi Bassi e stava ancora dormendo con amici, in attesa di trasferirsi ad un nuovo indirizzo.

“Solo l’anno scorso, a questo gruppo si sono aggiunte 175 persone che non hanno un tetto sulla testa”, ha detto. “Molti di loro trovano un rifugio tramite le agenzie di collocamento, ma quando il lavoro finisce, finiscono in strada. I datori spesso trattano queste persone in modo ignobile. A volte mi vergogno di essere olandese”.

La maggior parte dei partecipanti al corteo era di origine polacca, ma anche “olandesi comuni” si sono uniti in segno di solidarietà. “Molti polacchi vivono nel mio quartiere”, ha detto ad AD un simpatizzante del quartiere di Morgenstond. “Sono brave persone. Faccio la spesa al supermercato polacco. Se non riesco a capirlo, userò Google Translate.”