Come ha riportato il quotidiano AD, un incendio sarebbe scoppiato nel pomeriggio di sabato 8 ottobre nei pressi del luogo in cui verrà costruita la nuova ambasciata statunitense a Wassenaar, nei pressi dell’Aia.

Le fiamme avrebbero avuto origine da materiale non riciclabile e pannelli isolanti, all’interno del cantiere edile; la colonna di fumo denso generatasi, inoltre, sarebbe risultata visibile sino a Rotterdam, a venticinque chilometri di distanza.

Domare l’incendio, come ha sottolineato il quotidiano, sarebbe stato più complicato del previsto, dato che nelle vicinanze non vi erano idranti. Un secondo automezzo dei Vigili del Fuoco è dovuto intervenire. Non sono bastate le rigide regole di sicurezza del cantiere. “Quando c’è un problema, noi interveniamo sempre subito” ha affermato uno dei pompieri. “Se ciò non fosse accaduto, forse sarebbe bruciato tutto”.