NL

NL

Den Haag, fallimento con frode: FIOD (la finanza olandese) indaga su azienda di Zoetermeer

Photo: FIOD

La Fiscale Inlichtingen- en Opsporingsdienst (FIOD), la Guardia di Finanza in Olanda sta conducendo un’indagine su 123 Bouwbedrijf di Zoetermeer, un’azienda edile fallita che ha chiesto ai clienti un acconto di migliaia di euro senza completare il lavoro o senza mai iniziarli. I fornitori non sono stati pagati e hanno dichiarato fallimento l’anno scorso.

Il curatore ha segnalato il caso al Centro di Segnalazione Frodi Fallimentari: finora, 88 creditori si sono rivolti al curatore, tra cui privati, fornitori e l’incasso. Vogliono tutti recuperare i soldi dall’azienda edile, con un totale debito di circa tre milioni di euro, a cui si aggiungono 1,1 milioni di euro dovuti all’erario. L’azienda edile ha preso un anticipo consistente e poi non si è più presentata dai clienti o ha eseguito i lavori in modo insoddisfacente e non li ha completati. Nel dicembre dello scorso anno è stato dichiarato il fallimento.

Il curatore sta conducendo indagini su aziende collegate e si sta cercando di capire se le attività dell’azienda edile di Zoetermeer siano state acquisite da Bouw10. Alla fine sarà l’Ufficio del Pubblico Ministero (OM) a decidere se perseguire penalmente l’azienda. FIOD sta conducendo un’indagine preliminare e sta raccogliendo informazioni sui sospetti e sull’illecito presumibile.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli