I membri del gruppo di boeren-agricoltori/attivisti Farmers Defence Force stanno protestando a L’Aia contro i piani del governo per ridurre l’inquinamento legato alle aziende agricole, scrive NOS.

La protesta, iniziata alle prime ore dell’alba, ha rallentato il traffico sulle strade perchè l’esercito ha chiuso le vie d’accesso alla città per impedire ai boeren di arrivare in centro. Alcuni, tuttavia, sono riusciti comunque.

Gli agricoltori, parte di una frangia radicale di attivisti boeren, emersa con le proteste contro i piani  del governo per la riduzione delle emissioni -che a detta loro avrebbero un impatto negativo sull’attività agricola- protestano contro un piano governativo di razionalizzazione della burocrazia che a detta loro porterebbe al rilascio di meno licenze agricole.

La legge è stata effettivamente approvata quattro anni fa, ma non dovrebbe entrare in vigore fino al 2022 ed è in attesa della ratifica del re. Il piano della protesta odierna degli agricoltori era quello di arrivare davanti alla residenza del sovrano Willem-Alexander.

Non è ancora chiaro quanti attivisti verranno a l’Aia, scrive NOS. “Mi aspetto da 1000 a 2000 trattori a domani, ma questa è una stima”, ha detto ieri a RTV Drenthe il vicepresidente di FDF Jos Ubels.