NL

NL

Den Haag, aveva denunciato il razzismo nella polizia: dirigente sospesa dal servizio

Una dirigente della polizia di Leiden che aveva richiamato pubblicamente l’attenzione sul razzismo, l’abuso di potere e il bullismo all’interno dell’organizzazione di polizia la scorsa estate è stata sospesa dal servizio

Secondo la NRC, è stata sospesa perché le sue critiche hanno causato “troppe tensioni interne” all’unità dell’Aia, che comprende Leiden.

Il capo del team Fatima Aboulouafa lavora per la polizia da 23 anni e da un anno guida un’unità di 130 agenti di polizia. A giugno, ha pubblicato un messaggio su Instagram denunciando la discriminazione all’interno della polizia e scrivendo che gli informatori non vengono ascoltati.

Secondo NRC, Aboulouafa ha ricevuto ieri una telefonata dalla direzione delle forze di polizia nazionali secondo cui la sua presenza “provoca disagio nella direzione dell’unità, nella direzione di settore e nei capi squadra”. Sorprendentemente, perché il capo Akerboom ha avuto una conversazione con lei la scorsa estate e in seguito ha definito “doloroso e inaccettabile” che i vertici ignorino le situazioni di tensione interna al corpo di polizia.

Aboulouafa era precedentemente dirigente presso la stazione di polizia di Hoefkade a L’Aia. Anche lì ha sollevato più volte la questione di abusi interni in materia di discriminazione.

In risposta alla storia di NRC, il capo della polizia della polizia nazionale nega che la dirigente di Leiden sia stata sospesa, ma Liesbeth Huyzer del capo della polizia conferma che “si è verificata una situazione insostenibile in cui i compagni di squadra hanno indicato di no avere più fiducia nel lavorare con lei “. Il dipartimento di polizia afferma che è in corso un’indagine sul rapporto di lavoro interrotto e che “è stata proposta una pausa per portare la pace interna”.

SHARE

Altri articoli