Il Segbroek College dell’Aia terrà una cerimonia per ricordare il 15enne Clay Haime, scomparso nel fine settimana. La sua famiglia dice che è morto dopo aver partecipato a un “challenge” su internet, riferisce l’AD.

Sul sito web del Segbroek College, la scuola dice che Clay è rimasto vittima di un incidente, senza aggiungere ulteriori dettagli.

Ma la famiglia, su Facebook, scrive che il 15enne sarebbe stato vittima di una  “una stupida sfida” finita male. Esattamente cosa comportasse questa sfida, non è noto.

Djulan Gemesi, un amico di Clay, ha detto ad Omroep West che il suo amico è stato vittima di un “Choking Game”, un’agghiacciante sfida sul web dove i partecipanti usano diverse tecniche per ridurre l’afflusso di sangue per provocarsi svenimento. Se questa tesi fosse confermata, verrebbe escluso il movente del suicidio.

La polizia non entra nei dettagli ma avrebbe comunque smentito anche la possibilità che si sia trattato di un omicidio.