Il musicista Daniël Lohues è conosciuto in tutti i Paesi Bassi per la sua musica moderna. Originario di Drenthe, canta nel dialetto locale

Questo ottobre è in tournée nazionale con l’orchestra barocca olandese e propone composizioni ispirate a Bach. Unendo i capolavori di Bach, Telemann e Handel con dieci sue canzoni, Lohues suona la fisarmonica accompagnato da clavicembalo, fiati, archi e liuto.

La particolarità dei musicisti del nord dei Paesi Bassi come Daniël Lohues e Ede Staal è che hanno trasformato la concezione dei dialetti olandesi da parte del pubblico del Randstad. Per una parte degli abitanti che vivono nelle città centro-occidentali dei Paesi Bassi, coloro che parlano il dialetto non appaiono abbastanza “intellettuali”. Istruiti e competenti, Daniël Lohues e Ede Staal sono diventati invece voci di primo piano nella scena musicale olandese.

Ede Staal scrive canzoni soprattutto sulla vita nella campagna di Groningen, mentre Daniël Lohues parla spesso della provincia di Drenthe in un contesto nazionale. Ad esempio, nel pezzo chiamato A28, Lohues descrive la sua strada di ritorno a Drenthe da Utrecht attraverso l’autostrada A28 ed esprime i suoi sentimenti per la sua provincia: “Ho un cuore d’acciaio e la mia casa è un magnete”.