di Massimiliano Sfregola

 

1500 km dividono Amsterdam e Pesaro, nelle Marche ma se in tanti hanno attraversato il percorso  in auto, soprattutto olandesi diretti verso la riviera romagnola, non sono probabilmente in molti ad essere giunti in Italia dall’Olanda a bordo di kayak; soprattutto non sono molti ad essere giunti sulla costa Adriatica dopo aver circumnavigato -quasi per intero- le coste della Penisola. Tre studenti olandesi Feike, Fenna and Willem hanno scelto di viaggiare in questo modo singolare per sensibilizzare sul morbo di Batten, una rara forma di demenza infantile.

“Si tratta di un malattia rara ma dalle conseguenze devastanti” racconta a 31mag Feike, studente di 25 anni. “Oltre ad aiutare la fondazione che si occupa della ricerca, il nostro obiettivo è che la gente venga a conoscenza di questa terribile patologia”. Il viaggio partirà sabato 27 da Amsterdam e si concluderà a Pesaro a marzo 2017, ma in realtà toccherà l’intera Penisola.

L’Italia è il filo conduttore, per i giovani promotori di questa iniziativa, : “Ci siamo conosciuti nel 2014 in un resort turistico nelle Marche, dove abbiamo trascorso l’estate lavorando” dice ancora Feike, “li abbiamo deciso di organizzare un viaggio da Amsterdam con destinazione l’Italia, a bordo di un monopattino per promuovere e raccogliere fondi per le attività della speelgoed bank, un’associazione che raccoglie giochi per bambini di famiglie a basso reddito”.

 

L’iniziativa fu un successo ma questa volta, il viaggio non durerà una ma due stagioni, coprendo un percorso di ben 5500km. I tre non sono esperti di kayak, per questa ragione la preparazione fisica ha richiesto molto tempo e l’aiuto di istruttori professionisti.

http://2kayak4batten.nl/en/