Il numero di vittime in incidenti stradali è rimasto pressoché invariato da quando è stato implementato il lockdown, si legge da dati della polizia e dell’ufficio tecnico del traffico VIA. Tra il 16 marzo e il 26 aprile, 62 persone sono morte in incidenti stradali nei Paesi Bassi. Negli ultimi tre anni, ci sono stati 65 morti per traffico in quel periodo.

Anche se il numero di incidenti mortali sono rimasti gli stessi, il numero totale di incidenti si è dimezzato rispetto agli anni precedenti. Ciò può essere dovuto alla mancanza di ingorghi stradali.

Le cifre hanno sorpreso la polizia, ha dichiarato il responsabile del traffico Paul Broer. “Non ci sono più gli ingorghi nel weekend, a causa delle restrizioni del coronavirus”, ha detto. “L’immagine del traffico è completamente cambiata a causa del lockdown.”

Secondo VIA, le cifre mostrano che attualmente gli anziani e i bambini sono maggiormente a rischio nel traffico. “Con i bambini probabilmente ha a che fare in parte il fatto che dopo che le scuole hanno chiuso, hanno iniziato a giocare e andare in bicicletta di più”, ha detto Erik Donkers del VIA.

I ricercatori hanno anche scoperto che il numero di incidenti che coinvolgono furgoni è aumentato, probabilmente a causa dell’aumento di acquisti online. Ci sono stati anche altri incidenti che hanno coinvolto le moto, dovuto al bel tempo delle ultime settimane.