Il governo vuole continuare a ridurre il numero di punti vendita di sigarette: fonti dell’Aia confermano a NOS un report di De Telegraaf secondo cui l’obiettivo è consentire la vendita di prodotti di tabacco solo ai negozi specializzati, a partire dal 2032.

Le vendite nei supermercati saranno vietate dal 2024 ma fino al 2030, ad esempio, le stazioni di servizio e i “minimarket” possono ancora vendere prodotti per fumatori. Tuttavia, anche questo verrà gradualmente eliminato entro due anni; inoltre era già noto che dal prossimo anno il tabacco potrebbe non essere più venduto online.

Il sottosegretario Van Ooijen prevede inoltre di ridurre ulteriormente il numero di posti in cui è consentito fumare: il politico vuole che dal 2025 non sia più consentito fumare nei parchi giochi e nei parchi sportivi.

Questa mattina, Van Ooijen non ha voluto dire molto di più sulle misure sul tabacco se non che non è stata ancora presa alcuna decisione, che “il processo è in corso” e che le date precise devono essere discusse a fondo. 

Il prossimo anno e nel 2024 un pacchetto di sigarette costerà in media 1,20 euro in più mentre gli aumenti per gli anni successivi sono ancora da discutere.