The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Criticava il regime, fuggita da Istanbul donna curdo-olandese arrestata in Turchia

Una curda con cittadinanza olandese fugge dalla Turchia per evitare il processo.



Martedì scorso,  Kurdistan24 ha rivelato che una donna curda di cittadinanza olandese è fuggita illegalmente dalla Turchia per sottrarsi a un processo con la figlia di 5 mesi. La 31enne, che è stata identificata come Rojda A. a Rotterdam, era in viaggio verso Istanbul con sua figlia ed è stata arrestata in aprile dopo che voleva tornare in Olanda dalla Turchia.

E’ stata rilasciata a luglio a condizione che rimanesse in Turchia e facesse rapporto settimanale alla polizia turca. Secondo Algemeen Dagblad, gli avvocati di Rojda hanno dichiarato che non era disposta ad attendere il processo programmato per giovedì e che ha lasciato la Turchia illegalmente.

Gli avvocati: “Non se ne è andata perché vuole nascondersi….. ma a causa della situazione che stava affrontando”.

Il giornale olandese ha anche detto che la famiglia di Rojda non comprende il motivo per cui fu arrestata in Turchia, dato che ha visitato il paese almeno quattro volte nel 2016 senza incorrere in alcun problema.

Le autorità turche accusano Rojda di essere co-presidente del Consiglio delle Comunità del Kurdistan (DEMNED). Secondo loro, l’organizzazione curdo-olandese è legata al Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), che in Turchia è vietato.

Il PKK sta combattendo un’insurrezione contro il governo di Ankara per i diritti e l’autoregolamentazione dei curdi. La donna ha negato i legami con il PKK e sostiene che tale organizzazione è coinvolta in attività culturali.

Rojda non è l’unica cittadina olandese che è stata detenuta in Turchia. Almeno altri 19 cittadini olandesi non possono lasciare il paese in attesa di un processo.
La maggior parte di loro viene perseguita per aver espresso critiche nei confronti del governo o per essere coinvolti nella politica curda.

Murat Memis, un politico locale del Partito Socialista (SP), è stato assolto a luglio dall’accusa di “terrorismo” ed è tornato nei Paesi Bassi. “I curdi hanno paura di esprimere liberamente le loro opinioni e di criticare lo stato”, ha detto Serpil Ates, membro del consiglio comunale dall’ Aia.

Mentre Memis ha spiegato che i curdi olandesi hanno persino rimosso i loro account Facebook e altri social media prima di partire per le vacanze in patria; evitano anche i festival curdi, le organizzazioni curde e smettono di seguire le notizie sui social media.

Inoltre, alcuni curdi olandesi lamentano che il governo non sostenga i suoi cittadini quando vengono arrestati in Turchia. A maggio, il Ministero degli Esteri olandese ha aggiornato i suoi consigli di viaggio avvertendo i cittadini olandesi che il governo turco potrebbe perseguire i cittadini olandesi per “dichiarazioni fatte al di fuori della Turchia, anche sui social media”.

“Mi rendo conto che se non fossi un politico, sarei ancora in carcere. Il governo olandese dovrebbe sostenere chiunque, indipendentemente dal fatto che sia un rappresentante del popolo o un normale dipendente. Sei un cittadino olandese“, ha riferito Memis al Kurdistan24.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!