Un diplomatico olandese che la Turchia ha accusato di essere una spia ha lasciato il Paese della mezza luna “per motivi di sicurezza”, ha confermato il Ministero degli Affari Esteri, ad RTL Nieuws.

Lunedì i media turchi hanno riferito che le autorità stavano indagando su una spia olandese, identificata dalle iniziali A.Z. Secondo la stampa filo-governativa il servizio di intelligence turco lo ha seguito per qualche tempo e l’uomo, stando a loro fonti nei servizi segreti, sarebbe stato accusato di aver raccolto informazioni per costruire “fake news” nel legame tra Ankara, e ISIS.

Secondo il Ministero degli Affari Esteri olandese, l’uomo lavorava al consolato generale olandese a Istanbul ed era anche responsabile delle attività regionali. Il ministero non ha rilasciato altre informazioni.