The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Crisi migranti a Lesbo, volontari olandesi aggrediti



Author pic: Steve Evans Source: Flickr License:  CC 2.0 Some rights reserved

La crisi dei migranti a Lesbo è stata raccontata anche da operatori umanitari olandesi aggrediti e minacciati per il lavoro che svolgono con i richiedenti asilo. Volontari di Stichting Bootvluchteling si sarebbero dovuti nascondere, raccontano a Radio 1 Journal di NOS, dopo essere stati attaccati con tubi di ferro e inseguiti da residenti ed estremisti di destra. La violenza è scoppiata nei giorni passati, dopo che la Turchia ha “aperto le frontiere” con la Grecia, lasciando passare migliaia di richiedenti asilo che cercavano di raggiungere l’Europa.

“Attualmente non è sicuro stare a Lesbo, per un operatore umanitario”, avrebbe detto l’uomo -che ha chiesto di rimanere anonimo- alla radio. La tensione sarebbe alle stelle ed un gruppo di estremisti di destra avrebbe istituito blocchi stradali e usa violenza mirata, contro rifugiati e giornalisti.

La crisi dei migranti a Lesbo, dove circa 20.000 persone vivono dentro e intorno al centro di accoglienza di Moria, non è una novità: nel centro sono ospitate sette volte più migranti di quanti potrebbero e per il sesto anno consecutivo, altri rifugiati stanno arrivando sull’isola dalla Turchia.

Lo scorso fine settimana, i residenti hanno cercato di impedire l’attracco dei gommoni dei migranti.

La situazione ha messo in evidenza come l’inerzia dell’UE, che aveva assicurato di voler redistribuire in Europa i migranti, e le tensioni internazionali, siano state un mix esplosivo.

L’accordo con la Turchia, firmato nel 2016 dall’Unione, prevede che Ankara trattenga i richiedenti asilo provenienti dalla Siria che tentano di raggiungere le coste greche. In cambio, oltre ad un generoso sostegno economico, l’UE si era impegnata ad accogliere un rifugiato per ogni richiedente asilo respinto in Turchia. In realtà, nessun Paese europeo ha rispettato le quote concordate. L’accordo Turchia-UE venne siglato durante il semestre di presidenza olandese dell’Unione Europea.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!