Un altro aereo olandese è in viaggio verso l’Afghanistan per evacuare altre persone, ha affermato martedì la ministra uscente Sigrid Kaag (Affari esteri) alla Kamer. L’aereo è partito da Eindhoven martedì pomeriggio e farà scalo nei pressi dell’Afghanistan, dice NU.

L’aereo lascerà una nuova squadra dell’ambasciata e 62 membri del personale di sicurezza. Secondo Kaag, continueranno il lavoro dall’Afghanistan “oggi o al massimo domani”. L’intenzione è che il dispositivo eliminerà quindi le persone dal paese.

Kaag non ha detto quando esattamente l’aereo potrà atterrare. Secondo lei, i Paesi Bassi sono “estremamente dipendenti” da paesi “amici e dagli alleati americani” per i voli verso l’Afghanistan.

“Senza le loro informazioni di sicurezza, senza la loro copertura aerea e senza la loro protezione aeroportuale, nulla è possibile”. Secondo Kaag, anche gli Usa continuano a fare pressione sui talebani per impedire che le operazioni di evacuazione vengano attaccate.

Kaag ha parlato di una “fine drammatica” degli ultimi vent’anni di ingerenza straniera in Afghanistan.

Un altro aereo olandese era in viaggio verso l’Afghanistan lunedì, ma non gli è stato permesso di atterrare all’aeroporto di Kabul all’ultimo minuto: la situazione era troppo pericolosa ed è stata data priorità alla sicurezza, dice NU

“Nella notte da sabato a domenica, i membri del personale distaccato dell’ambasciata sono stati svegliati nel cuore della notte. Gli è stato detto: il complesso sarà presto perquisito, andate subito all’aeroporto”, ha detto Kaag. Secondo la ministra, i dipendenti di altre ambasciate hanno ricevuto lo stesso messaggio.

A causa della fretta e di un problema con le apparecchiature di comunicazione, non è stato possibile informare immediatamente il personale afghano locale, dice Kaag.

Il quotidiano NRC ha riferito che domenica il personale locale ha trovato l’ambasciata abbandonata. Secondo Kaag, durante l’evacuazione frettolosa dell’ambasciata, c’è stata una “interruzione della comunicazione”. Non appena è stato nuovamente possibile contattare il personale locale dall’aeroporto, ciò è accaduto, ha sottolineato Kaag.

Un portavoce del ministero degli Esteri spiega che se un’ambasciata deve essere evacuata con urgenza e inaspettatamente, il posto andrà ‘offline’. Di conseguenza, non è stato possibile informare immediatamente il personale locale durante la notte, ha affermato il portavoce.

Kaag spera che un certo numero di persone possa essere portata in salvo nei prossimi giorni. “Sicuramente il personale dell’ambasciata locale”.

Ma la Kaag ha anche lanciato un avvertimento. “Non abbiamo alcuna influenza, nessun controllo. Non abbiamo i mezzi per prelevare le persone da luoghi più lontani di Kabul, né da altri paesi. C’è il rischio che le persone non possano raggiungere l’aeroporto.”