The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Crisi covid, un quarto dei musei olandesi a rischio chiusura

Circa 100 musei olandesi, un quarto di tutti i musei, rischiano di dover chiudere definitivamente le loro porte entro un anno a causa della crisi del coronavirus. Mesi di chiusura forzata, seguiti da un numero di visitatori inferiore al solito, stanno minando le finanze di molti musei olandesi, secondo un sondaggio della Museum Association.

Secondo Museum Association, i musei in difficoltà sono innanzitutto quelli piccoli, con meno di 40 mila visitatori all’anno. Insomma, tutti quei musei che non ricevono sussidi governativi e musei che dipendono quasi interamente dal reddito derivante dalle entrate dell’affitto di sale per eventi. Questi musei in gran parte non rientrano nel pacchetto di aiuti di 300 milioni di euro del governo per il settore culturale.

L’Associazione museale ha chiesto, allora, al governo di rendere disponibile un pacchetto di aiuti più completo per tutti i musei, indipendentemente dalle loro dimensioni o posizione.

Circa il 90% dei musei è di nuovo aperto, ma con orari di apertura limitati e una capacità di visitatori diminuita. La maggior parte dei musei riceve solo circa un quarto dei suoi soliti visitatori. L’associazione attribuisce ciò all’incertezza su salute, lavoro e reddito.

“Un supporto adeguato è cruciale per superare la crisi della corona”, questo il parere della Museum Association. “Il grande e sempre più diversificato pubblico che i musei di tutto il paese raggiungono merita che un enorme capitale culturale che appartiene a tutti noi sia accessibile a tutti, anche nella società di 1,5 metri o post-covid. E solo insieme, i musei riescono raccontare l’intera storia della società in continua evoluzione.”

I musei in difficoltà

Il Museo tessile di Tilburg è uno dei musei in difficoltà. Quando hanno riaperto all’inizio di giugno, hanno ricevuto circa 40 visitatori al giorno. Da allora è aumentato a circa 150, ma è ancora molto basso rispetto al numero usuale del periodo, ha detto a NOS Elles van Vegchel del museo. Il museo ha quindi avviato una campagna di volantini e poster. “Speriamo che le persone che volessero andare a Eteling verranno da noi su un palco piovoso”.

Anche il Museum Klok & Peel di Asten ha visto una significativa riduzione dei visitatori. “In passato, autobus carichi di visitatori venivano qui, principalmente anziani. Ma ora non vengono più”, ha detto il direttore operativo Frank van Kempen all’emittente. “Un altro fattore per noi è che quei visitatori spesso ordinavano una tazza di caffè con la torta nel nostro caffè del museo e acquistavano souvenir nel negozio. Adesso abbiamo perso anche questo tipo di entrate.”

Il Museo Zaans di Zaanse Schans riceve il 30-40 percento dei visitatori rispetto allo scorso anno. Il museo sta perdendo le entrate delle società che affittano sale per eventi. “Se le misure di emergenza scompaiono e il numero di visitatori non si riprende, il prossimo anno sarà molto difficile”, ha detto il portavoce Marieke Verweij a NOS.