Un 39enne di Deventer è stato arrestato il 20 maggio con l’accusa di frode su larga scala tramite criptovalute inesistenti, dice la polizia, che sta indagando sul coinvolgimento dell’uomo in diversi casi. Anche un 22enne di Apeldoorn è stato arrestato con l’accusa di frode e appropriazione indebita e nel corso della stessa indagine, un magazzino a Zaandam è stato perquisito e un uomo di 41 anni è stato arrestato, dice RTV Noord.

Le persone sono finite in manette nell’ambito di un’indagine sul trading di criptovalute tramite la piattaforma di trading di Coinhouse.eu : sono sospettati di appropriazione indebita di fondi dei clienti e di truffe. Durante le indagini sono stati sequestrati vari veicoli, una casa, computer e criptovalute.

Il 39enne sospettato di Deventer, dice RTV avrebbe creato la sua criptovaluta e quindi l’avrebbe promossa nella speranza che la gente volesse investire.

L’uomo ha commerciato con varie criptovalute come ERSO, MALC e TulipMania. La sospetta truffa consisteva nel contattare  telefonicamente le vittime, apparentemente per conto della banca, con l’annuncio che era pronto un pagamento internazionale che poteva essere bloccato tramite un codice QR inviato.

La squadra investigativa della polizia ha ricevuto diverse segnalazioni da vittime che hanno trasferito denaro tramite questi codici QR.  Le persone che hanno effettuato investimenti tramite Coinhouse.eu e credono di essere state truffate possono denunciare alla polizia.