Sono quasi 700 i paesi e le città che nei Paesi Bassi hanno visto nel 2019 un aumento del traffico di armi o di droga rispetto all’anno precedente, riporta RTL Nieuws. Spacciatori nelle strade, laboratori, armi da fuoco e coltelli.  Stando agli archivi della polizia, il tasso di criminalità mostrerebbe una tendenza alla diminuzione negli ultimi anni mentre il traffico di droga e armi è in aumento.

Il criminologo Jasper van der Kemp dell’Università VU di Amsterdam sostiene che l’aumento sia dovuto ad una maggiore attenzione da parte della polizia nei confronti di una criminalità che per lungo tempo è stata nell’ombra. “È quasi sempre una forma di criminalità organizzata”. Sono nell’ombra e si fanno vivi solo quando le reti vengono individuate dalle forze dell’ordine.

Per la polizia si tratta di traffico di stupefacenti in caso di possesso o produzione di droghe leggere e pesanti. Il commercio di armi invece comprende armi da fuoco e non, come coltelli e mazze da baseball.

Questi due fenomeni sono in crescita in quasi 700 paesi e città. La polizia si è trovata di fronte a più casi nei primi 9 mesi del 2019 rispetto a tutti quelli registrati l’anno precedente. Nonostante non siano noti i dati da settembre ad oggi, è evidente un aumento.

In un solo anno è più che raddoppiato il  numero di denunce di crimini per droga a Oisterwijk mentre a Zaandam è salito il numero di reati per il commercio di armi. Eindhoven e Arnhem hanno visto un aumento per entrambi i fenomeni.

Giovani criminali che fanno carriera in fretta, questa è la foto inquadrata dalle autorità.