Stop ai voli notturni a Schiphol e partenze solo dalle 9:00 nei fine settimana, sono queste alcune delle proposte  avanzate dai residenti intorno a Schiphol per limitare concretamente i fastidi causati ai residenti dall’aeroporto. Un piano in 10 punti verrà presentato giovedì al parlamento dall’associazione che riunisce gli abitanti nei pressi dello scalo di Amsterdam.

Il governo ritiene che Schiphol dovrebbe crescere oltre i 500.000 decolli e atterraggi effettuati lo scorso anno, ma a condizione che il settore dell’aviazione trovi soluzioni sostenibili tanto per l’ambiente quanto per i residenti.

Ora che l’aviazione sta uscendo dall’emergenza corona, in tanti si chiedono come poter ripensare il futuro dello scalo, tenendo conto delle esigenze di tutti. Il Consiglio ambientale di Schiphol, che rappresenta i residenti nei pressi dell’aeroporto, sta formulando proposte concrete anche se ritiene che il piano elaborato dal settore dell’aviazione non riesca a ridurre efficacemente il problema.

Matt Poelmans, leader della delegazione dei residenti, ha detto a NOS che le misure devono essere attuate congiuntamente. ‘Questo perché una misura relativa a un miglioramento in un’area può comportare un deterioramento in un’altra. Ad esempio, una chiusura notturna sarebbe vantaggiosa per i residenti di Polderbaan e Kaagbaan, ma questo a sua volta porta a più fastidi per i residenti in prossimità di altre piste, dove il traffico aereo verrebbe incrementato durante il giorno.