The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

PHOTOGRAPHY

Crazy World: l’Amsterdam degli anni ’50 nelle foto di Ed van der Elsken

CoverPic | Author: Rob Bogaerts / Anefo | Source: Nationaal Archief | License: CC 1.0

Il Rijksmuseum di Amsterdam ha recentemente presentato una serie di fotografie scattate intorno agli anni Cinquanta dal maestro olandese Ed van der Elsken, considerato uno dei più influenti fotografi del secolo scorso.

Van der Elsken, morto nel 1990 all’età di 65 anni, ha scattato ovunque nel mondo: Olanda, Parigi, Sudafrica, Sierra Leone, Giappone, Hong Kong, Messico, Stati Uniti e Indonesia. La sua opera è straordinariamente versatile e incredibilmente ricca. Era un fotografo disarmante. Nel suo approccio idiosincratico e molto diretto, sapeva come “catturare” l’uomo nella sua essenza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

@edvanderelskenofficial #photography #photographer #photo #artist #art #amsterdam #love #beauty #edam #film #filmmaker #jazz #music #lovers #dutch #lustforlife

Un post condiviso da Edvanderelskenofficial (@edvanderelskenofficial) in data:

Famoso per la sua cruda fotografia di strada della vita quotidiana ad Amsterdam, il nuovo libro contiene circa 134 immagini inedite che spaziano dalla gente comune a poeti e membri della famiglia reale.

I fotografi scattano più fotografie di quante ne pubblicano o espongono. Soprattutto Ed van der Elsken. Molte opere conosciute e no erano conservate nella sua casa di Edam.  Se una fotografia è il risultato di scelte ed esperimenti, in mostra sono state scelte proprio quelle fotografie che portano le tracce delle decisioni, dei dubbi e delle considerazioni che si fanno quando si fotografa e si stampa. Ad esempio, si possono vedere serie di stampe di una stessa fotografia – diverse per dimensioni, ritaglio e contrasto – che a volte producono risultati finali completamente diversi.

L’opera incompiuta è stata scoperta dopo che la vedova di Van der Elsken, Anneke Hilhorst, ha trasferito l’anno scorso il suo patrimonio al Rijksmuseum e al Nederlands Photo Museum di Rotterdam.

“Per i curatori, questo ha segnato l’inizio della ricerca sull’archivio di lavoro di Van der Elsken, che comprende 11.000 immagini”, ha dichiarato il Rijksmuseum in un comunicato. “Una delle tante sorprese è stato il ritrovamento del progetto di un libro fotografico che Van der Elsken ha realizzato nello stesso periodo in cui stava lavorando al suo magnum opus Sweet Life“.

Chiamato “feest” in olandese, che significa “festa”, il libro inedito contiene immagini di carnevali, feste di compleanno, tra cui quelle del famoso poeta belga Hugo Claus e dei reali olandesi e britannici.

Una foto della Regina Elisabetta, scattata durante un banchetto nella storica Ridderzaal (Sala dei Cavalieri) dell’Aia nel 1958, mostra una giovane reggente britannica in visita di Stato con il marito, il Principe Filippo, insieme alla Regina olandese Juliana e al marito, il Principe Bernardo.

Il direttore del Rijksmuseum, Taco Dibbits, ha dichiarato che il libro “feest” ha catturato un’epoca che va dagli anni Cinquanta ai primi anni Sessanta. Van der Elsken “è stato uno dei primi fotografi degli anni Cinquanta a camminare per le strade e a catturare la vita nel suo stile grezzo”, ha aggiunto Hans Rooseboom, il curatore del museo.

Il suo stile ha ispirato generazioni di grandi fotografi olandesi, tra cui Anton Corbijn, famoso per i suoi ritratti di rockstar e celebrità, e la pluripremiata fotografa Ilvy Njiokiktjien.

Il libro fotografico appena scoperto viene esposto in una nuova mostra intitolata Ed van der Elsken: a crazy world,  da vedere al Rijksmuseum dal 30 ottobre al 10 gennaio.