NL

NL

CPB: nel 2022 e nel 2023 il potere d’acquisto in Olanda diminuirà di circa il 4%

Il prezzo massimo dell’energia non può frenare l’inevitabile caduta del potere d’acquisto degli olandesi. Il  CPB, centro di pianificazione del governo, prevede che il potere d’acquisto diminuirà di circa il 4% quest’anno e il prossimo.

È la prima volta che si calcolano le conseguenze di tutti i piani governativi sul potere d’acquisto: secondo il CPB, il tetto dei prezzi ha impedito un ulteriore calo del potere d’acquisto e grazie a questo massimale, a partire da gennaio le famiglie pagheranno gas ed elettricità con un limite.

Nel giorno del bilancio, si prevedeva ancora che il potere d’acquisto diminuisse di quasi il 3% nel 2022 e nel 2023 ma questo non ha tenuto conto del massimale di prezzo che il gabinetto aveva concordato il giorno prima. CPB ora calcola anche con una nuova definizione per l’inflazione.

Il potere d’acquisto sta diminuendo principalmente perché l’inflazione è superiore all’aumento dei salari concordati collettivamente.  “Un problema strutturale richiede soluzioni strutturali”.

Il provvedimento del governo ha anche conseguenze negative sui conti pubblici, tra l’altro. Il prezzo massimo potrebbe costare circa 8 miliardi di euro e quel conto verrà trasferito alle generazioni future, afferma CPB. Toglie, secondo l’ufficio urbanistico, anche l’incentivo al “necessario risparmio energetico e alla sostenibilità”.

Secondo l’istituto il recupero del potere d’acquisto deve in ultima analisi venire principalmente dagli aumenti salariali mentre lo stato, deve fare il suo solo con le famiglie vulnerabili.

SHARE

Altri articoli