NL

NL

CPB: i pacchetti Covid hanno salvato l’economia ma l’hanno “congelata” in modo innaturale

Tra le 65.000 e le 180.000 persone sono state in grado di mantenere il loro posto di lavoro nel 2020 grazie al pacchetto di sostegno per le aziende, dice AD. Il Centro di pianificazione del governo CPB ha calcolato questo in una valutazione del pacchetto di sostegno in quell’anno: si stima che l’economia si sarebbe contratta di circa lo 0,6% in più senza il pacchetto di aiuti.

Il sussidio è stato quindi effettivo nel 2020, conclude l’ufficio di pianificazione. Molte persone hanno mantenuto i loro redditi, la disoccupazione non è aumentata rapidamente e pochissime aziende sono fallite.

Nella valutazione, il CPB ha esaminato solo l’anno del Covid 2020 e non l’anno in corso. Il pacchetto di supporto per le aziende è in vigore da marzo 2020 e terminerà il 1° ottobre, ricorda NOS.

L’agenzia ha calcolato cosa sarebbe successo senza le misure: si tratta del sostegno salariale con il quale le aziende interessate potrebbero ricevere un sussidio per continuare a pagare i salari (schema NOW), l’indennità per i costi fissi (TVL) e il sostegno al reddito per i lavoratori autonomi (Tozo).

Molte aziende sono sopravvissute grazie al pacchetto di supporto e questo vale solo per le aziende che probabilmente sarebbero fallite comunque. Ciò potrebbe significare che l’economia crescerà meno rapidamente in futuro, secondo il CPB. “La crisi è durata più a lungo e questi costi (nascosti) delle politiche di aiuto sono aumentati e i benefici del mantenimento del posto di lavoro sono diminuiti”, scrivono i ricercatori.

Dall’estate del 2020, l’incertezza economica è diminuita, scrive il CPB e gli svantaggi dell’aiuto sono aumentati mentre i vantaggi della politica sono diminuiti. “Per poter dire di più sul compromesso tra benefici e costi della politica di sostegno nel tempo, sono necessarie ulteriori ricerche, anche sugli effetti del pacchetto di sostegno nel 2021″, affermano i ricercatori.

A causa di questi argomenti, il direttore di CPB Pieter Hasekamp aveva invitato il governo nell’aprile 2021 a interrompere il sostegno il prima possibile: “L’attuale supporto sta congelando parti dell’economia alla situazione all’inizio del 2020, bloccando così le normali dinamiche economiche: aziende che chiudono e nuove aziende che partono, persone che trovano nuovi posti di lavoro altrove”, ha affermato Hasekamp.

Il governo alla fine ha deciso di far funzionare il pacchetto fino a ottobre di quest’anno.

L’entità del sostegno, compreso il sostegno salariale e l’indennità per i costi fissi, nei Paesi Bassi è stata di circa il 3,6% del prodotto interno lordo nel 2020: circa 30 miliardi di euro. Secondo il CPB, questo è leggermente superiore alla media europea del 3,3 percento del PIL. 

SHARE

Altri articoli