Author: Isac Nóbrega/PR Source: Wikipedia License: CC 2.0

Un gruppo di sindacati che rappresentano gli operatori sanitari brasiliani ha esortato la Corte penale internazionale (ICC) ad indagare sull’operato del presidente Bolsonaro in merito alla sua gestione della pandemia di coronavirus. Lunedì il gruppo ha presentato una denuncia al tribunale, dove accuserebbe il presidente Jair Bolsonaro per crimini contro l’umanità.  “Presentare una causa alla Corte penale internazionale è una misura drastica, ma i brasiliani stanno affrontando una situazione estremamente terribile e pericolosa creata dalle decisioni deliberate di Bolsonaro”, ha affermato l’agenzia di stampa AFP.

Il Brasile ha il maggior numero di casi di coronavirus e decessi al mondo dopo gli Stati Uniti. Ha registrato quasi 2,44 milioni di casi di coronavirus e oltre 87.000 decessi correlati. Gli ospedali stanno lottando per far fronte a un afflusso di pazienti, poiché le infezioni stanno raggiungendo un picco in nuove posizioni in tutto il paese. Bolsonaro ha minimizzato la pandemia, confrontando il virus con una “piccola influenza” e attaccando le misure di restituzione a casa imposte dalle autorità locali per contenerlo.

Gli esperti danno la colpa alla crisi del paese per la mancanza di coordinamento nazionale combinato con le risposte sparpagliate da parte dei governi di città e stato, con alcune riaperture prima di quanto raccomandato dagli esperti. Il governo di Bolsonaro “dovrebbe essere ritenuto responsabile della sua insensibile risposta alla pandemia”, ha affermato Marcio Monzane di UNI Americas, l’organizzazione che ha guidato l’azione legale. La Corte penale internazionale non è tenuta a prendere in considerazione la richiesta.