Venerdì c’è stata una consultazione e lunedì è previsto un altro incontro con tutte le autorità coinvolte, ha detto Jop Heinen, portavoce del Comitato per la Sicurezza dell’area di Rotterdam-Rijnmond. “Ora stiamo esaminando le possibilità all’interno delle normative di emergenza esistenti per frenare la diffusione del corona”, scrive il portale locale Rijnmond.

Il rilassamento delle regole, secondo molti, ha dato l’errata percezione che ormai il coronavirus fosse alle spalle ma nella regione di Rotterdam, i numeri sono in crescita continua e ad una velocità superiore, rispetto al resto del Paese.

Nonostante il sindaco della seconda città olandese abbia chiesto a gran voce al governo, che le mascherine vengano imposte per legge, il governo non sembra -per il momento- orientato a venire incontro a questa richiesta. Il numero di pazienti testati come positivi al virus è salito di 64 nel weekend, scrive ancora Rijnmond, ma questo incremento potrebbe essere determinato dal più alto numero di test.

La regione di Rotterdam, anche se il governo non intende intervenire, cercherà di fare qualcosa sulla base delle possibilità che la legge consente.