Pic: Pixabay

Venerdì scorso il primo ministro Alexandre De Croo ha avvertito i belgi: se non vogliamo diffondere ulteriormente il virus, è meglio evitare gli sport invernali. 

“Non c’è bisogno di essere virologi per capire che le vacanze natalizie rappresentano un grande rischio,” ha dichiarato il capo del governo federale venerdì, in conferenza stampa. Ha ricordato che la prima ondata di Covid-19 è stata a febbraio, dopo che molti cittadini sono rientrati in Belgio dalle proprie ferie.

Altri esponenti del governo hanno fatto dichiarazioni simili. Infatti, con la fine dell’anno e l’avvicinarsi delle vacanze, molti programmano di spostarsi e di riunirsi con amici e famiglie.

Il fumettista fiammingo Lectrr, dopo la conferenza stampa di De Croo, ha rappresentato la curva epidemica che, nella parte finale, prende la forma di un albero di Natale. 

 

“L’ultima cosa che vogliamo è che ci sia una terza ondata dopo Natale,” ha detto De Croo. “A Natale il virus sarà ancora in circolazione e molte poche persone saranno state vaccinate, quindi dobbiamo stare attenti. Io passerò le vacanze con il mio nucleo familiare stretto“.

Una commissione consultiva che comprende i rappresentanti del governo federale e delle entità federali, si riuniranno venerdì. Si spera che questo incontro produrrà delle linee guida più chiare.