The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Covid Olanda, insegnanti chiedono misure più rigide a scuola

Covid in Olanda, gli insegnanti vorrebbero misure più severe a scuola.

I sindacati scuola in Olanda, secondo un sondaggio dell’organizzazione Leraren in Actie (LIA), manifestano preoccupazione per la loro situazione lavorativa. La stragrande maggioranza (l’80 %) degli insegnanti vorrebbe che il governo adottasse misure anti-covid più severe nelle scuole. I timori dei sindacati in Olanda per il coronavirus riflettono quelli degli insegnanti: a giugno un sondaggio simile ha evidenziato come circa il 13% del personale docente fosse molto preoccupato per il virus.

Il Ministro dell’Istruzione Arie Slob ha fatto sapere a Telegraaf che, pur comprendendo le preoccupazioni, non vede la necessità di adottare ulteriori misure. Secondo gli insegnanti però mantenere 1,5 metri di distanza in classi strapiene è impossibile . Il presidente LIA Peter Althuizen ha commentato: “Il nostro sondaggio mostra che tre quarti degli insegnanti vogliono più misure obbligatorie in classe. Ad esempio vorrebbero lavorare con metà delle classi, per mantenere la distanza fisica.”

Aggiunge: “A L’Aja la scuola è diventata una specie di asilo nido per i figli dei genitori che lavorano.”

Althuizen ha comunicato a Telegraaf la presenza di molti insegnanti con sintomi da covid. “A volte penso: agiranno solo quando il primo insegnante morirà per il coronavirus?“. Il ministro Slob ha ribadito al giornale che capisce le preoccupazioni degli insegnanti sulla loro salute. Per questo, secondo lui, è necessario rispettare le misure a scuola fra alunni e insegnanti.

Venerdì, Nieuwsuur ha riferito che metà delle scuole secondarie nei Paesi Bassi hanno segnalato almeno un’infezione da agosto. 342 nelle 648 scuole: nel personale che ha fatto il test per il virus il 10,3% è risultato positivo, dato inferiore al 13,8% che rappresenta la media dei test nazionali positivi.