The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Covid NL, Olanda si prepara per la seconda ondata

Il settore sanitario in Olanda, dispone attualmente a sufficienza di materiale per la protezione individuale contro il Covid. I dispositivi protettivi sono disponibili in stock soprattutto per gli operatori sanitari del coronavirus, ha affermato il ministro delle sanità pubblica Hugo de Jonge in una lettera al parlamento prima di un dibattito sulle nuove misure.

De Jonge e il LCH, il Consorzio nazionale per le forniture mediche che si occupa degli acquisti centralizzati, ritengono che ci saranno abbastanza rifornimenti in caso di una secondata ondata, come quella avvenuta ad Aprile.

Il Consorzio ha ordinato oltre un miliardo di mascherine chirurgiche. Di questi, 700 milioni sono attualmente disponibili nei Paesi Bassi, tra cui 535 milioni sono immediatamente disponibili per le istituzioni sanitarie. Il consorzio ha inoltre ordinato 695 milioni di paia di guanti. 289 milioni si trovano in stock, di cui 175 milioni immediatamente disponibili.

In aggiunta all’attrezzatura protettiva, l’Olanda ha in magazzino anche 2.000 fiale dell’inibitore del virus Remdesivir, scrive De Jonge. L’antifiammatorio Desametasone è anche “ampiamente disponibile” per i pazienti olandesi. L’uso di questo medicinale fa ora parte delle linee guida per il trattamento del Covid-19, continua De Jonge.

Il ministro della salute ha inoltre affermato che un vaccino contro il coronavirus sarà disponibile al più presto entro i primi mesi del 2021, se i test clinici andranno secondo i piani.

Al momento dello scoppio della pandemia in primavera, il mondo, cosi come anche l’Olanda, si è trovata di fronte ad una carenza di materiale protettivo, quali maschere e guanti. A marzo di quest’anno è stato cosi fondato dal Ministero della Salute, del Welfare e dello Sport un consorzio nazionale (LCH) per far fronte alla carenza di materiale e ottimizzare eventuali forniture di emergenza.

Il crescente numero di contagi, verificandosi nelle ultime settimane, ha portato non solo ad una maggior preoccupazione ma anche ad un’inasprimento delle misure adottate dal governo olandese.