Covid, il numero di bambini e membri dello staff scolastico in quarantena si è ridotto rispetto a settembre. Lo ha comunicato l’ufficio delle Nascite e dell’Infanzia (ONE) della federazione Vallonia-Bruxelles.

Nella settimana tra il 16 e il 22 novembre, ci sono stati 746 casi di covid nelle scuole primarie e secondarie. I dati sono del team “Promozione della salute a scuola”.

Le cifre denotano un aumento rispetto alla settimana precedente. Sono anche simili alle cifre della penultima settimana di settembre, afferma l’ufficio. Quello che è cambiato, dicono, è l’incidenza settimanale dei casi. Incidenza significa il numero di infezioni ogni 100mila persone.

Secondo i dati l’incidenza settimanale è inferiore a quella generale. Il team che si occupa delle scuole attualmente ha meno lavoro sul tracciamento. Perciò si sta dedicando a organizzare sessioni di vaccinazione influenzale e controlli per altre patologie. Oltre al covid, infatti, è importante controllare la salute dei bambini sotto altri aspetti.

Che le scuole siano focolai di covid è già stato smentito da alcuni esperti. I bambini hanno un rischio di trasmissione più basso degli adulti e sono raramente sintomatici.

Il Belgio ha da poco reso pubblica la strategia di vaccinazione nazionale. Il Ministro ha da poco spiegato l’ordine di priorità con cui si distribuirà il vaccino. Lo riceveranno i residenti e gli anziani nelle case di riposo, poi il personale ospedaliero e poi i cittadini dai più anziani ai più giovani.