Secondo il RIVM, la variante Covid Omicron in Olanda si sta estinguendo. “Sembra che abbiamo preso la svolta e che abbiamo iniziato la fase in declino della pandemia”, afferma la virologa di RIVM Chantal Reusken. “C’è una diminuzione nel numero di test e contagi, anche nelle misurazioni delle fognature e nei ricoveri in ospedale e in terapia intensiva”.

La scorsa settimana, RIVM ha registrato 482.695 test positivi Covid in Olanda: le cifre sono difficili da confrontare con una settimana prima, perché RIVM ha dovuto smaltire un enorme arretrato ma il numero dei test positivi è comunque calato.

La ratio di contagio R, che indica quante persone sono state infettate da una persona infetta, è sceso per la prima volta quest’anno al di sotto di 1. Il numero di riproduzione più recente è del 31 gennaio ed è stimato a 0,98. Ciò significa che il virus non è più in espansione nei Paesi Bassi a causa del fatto che un numero sufficiente di persone in Olanda è già stato contagiato o vaccinato.

Secondo il RIVM, la diminuzione del Covid in Olanda è riscontrabile in tutte le fasce di età, ad eccezione degli over 70. RIVM, quindi, dà la benedizione all’abbandono delle misure.

L’afflusso di pazienti è in leggero aumento negli ospedali, tranne che in terapia intensiva: la scorsa settimana sono stati ammessi 1.322 nuovi pazienti Covid, riporta LCPS, ossia l’8%  in più rispetto a una settimana prima. Solo 87 nuovi pazienti sono stati ricoverati in IC: si tratta di una diminuzione del 19%   rispetto a una settimana prima.