Il governo olandese ha ordinato altri 8 milioni di test rapidi, da un’azienda con sede negli Stati Uniti, nel tentativo di ridurre i tempi di attesa per i risultati. I test antigeni, prodotti dall’azienda americana BD possono rilevare il virus entro 15 minuti. Hanno avuto l’approvazione dal ministero della salute due settimane fa.

Saranno utilizzati in aggiunta ai test PCR effettuati dalle aziende sanitarie locali. Il primo lotto di 1.2 milioni dovrebbe essere consegnato alla fine di questo mese. Un portavoce dell’azienda, ha riferito che l’ordine – che ammonta ad un totale di 9.2 milioni di unità – sarebbe il primo accordo concluso con un governo europeo.

È uno dei numerosi test rapidi sviluppati negli ultimi mesi. Ad agosto ha ricevuto l’autorizzazione di emergenza dalla Food and Drug Administration statunitense. L’istituto di ricerca olandese, TNO, ha recentemente annunciato di aver sviluppato un test rapido con un tasso di accuratezza del 99%, lo stesso livello del processo PCR.

Il cosiddetto “Test Lamp” funziona a livello molecolare e fornisce un risultato tra i 45 e 60 minuti. Breathomix, con sede a Leida, ha sviluppato invece un test dell’etilometro che può escludere il virus in circa 75% dei casi entro 45 minuti. Il dispositivo è stato testao su 1.800 persone ad Amsterdam.

La rete delle zziende sanitarie locali (GGD) è attualmente in grado di effettuare 50.000 test al giorno e sta lavorando per aumentarlo a 90.000 entro la fine del mese. Nel fine settimana si diceva che nessuno avrebbe dovuto aspettare più di 24 ore per fare un test rapido.