Fino a metà settembre, l’Ispettorato del lavoro ha ricevuto circa 3500 segnalazioni sulle condizioni lavorative legate all’emergenza Covid. Secondo quanto riportato da NOS, la maggior parte delle quali incentrate sul tema della sicurezza.

Molte di queste segnalazioni, lamentavano la carenza di regole di distanziamento e il fatto che diversi colleghi si presentassero al lavoro con sintomi da Covid-19. Altre hanno sottolineato il fatto che non fosse permesso lavorare da casa, anche se sarebbe stato perfettamente fattibile.

Inoltre, gli ispettori hanno ricevuto più di 200 segnalazioni relative a possibili abusi da parte di aziende che hanno usufruito del sostegno concesso al governo alle attività in difficoltà, ha dichiarato NOS.

Circa 2000 delle segnalazioni ricevute dall’Ispettorato hanno avuto un seguito.  Nel 7% dei casi, gli ispettori hanno disposto la chiusura completa o parziale delle aziende, in attesa che queste adottassero le misure anti Covid. Nel 3% dei casi invece sono state applicate delle multe.