BE

BE

Covid-19. Localizzazione digitale viola i diritti umani fondamentali. Organizzazioni si appellano al governo

Le soluzioni di localizzazione digitale per il monitoraggio del coronavirus (Covid-19) preoccupano le organizzazioni per i diritti umani, riporta LaLibre. “I diritti umani non devono diventare vittime collaterali” di questa lotta, hanno dichiarato la Federazione internazionale per i diritti umani, Ligue des droits humains e Liga voor Mensenrechten in una lettera aperta al governo federale belga.

La scorsa settimana alla Commissione per la salute della Camera i tre gruppi hanno denunciato i piani di monitoraggio delineati dal ministro federale Philippe De Backer, definendoli “eccessivi” e “prematuri”. Hanno poi esortato le autorità a concentrarsi su altri modi per porre fine alla crisi, prima di “ricorrere a queste misure che violano i diritti individuali fondamentali”. Hanno avvertito che “misure eccezionali in circostanze eccezionali” comportano un “rischio non trascurabile dello sviluppo graduale ma permanente di un modello sociale indesiderato”. Pertanto la raccolta e la condivisione di informazioni non dovrebbero andare oltre le misure strettamente limitate al coronavirus. Tali misure devono anche rispettare la privacy, essere limitate nel tempo e rispettare criteri prestabiliti, mentre la necessità di mantenerle deve essere regolarmente esaminata, hanno affermato.

Le organizzazioni per i diritti umani vedono il consenso individuale, la trasparenza, l’accesso alle informazioni e la non discriminazione come altre condizioni assolutamente necessarie per il monitoraggio. Inoltre, hanno affermato, “nessun contratto deve essere concluso con aziende o attori implicati in violazioni dei diritti umani, o che non hanno un’efficace politica in materia di obbligo di rispetto dei diritti umani fondamentali”. Le organizzazioni hanno chiesto l’istituzione di un gruppo multidisciplinare di esperti e professionisti per monitorare l’operazione di tracciamento fino a quando dureranno le misure contro l’epidemia.

Pic: Pixabay

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli