Covid-19, Belgio corre troppo e allenta le restrizioni, ma è prematuro. Dice l’esperto: questa mossa permetterà al governo di constatare che il Belgio non è ancora pronto. 

Maarten Vansteenkiste è lo psicologo consulente della task force Celeval, addetta a guidare le risposte del governo in emergenza Covid-19. Egli è convinto che il Consiglio Nazionale di Sicurezza (NSC) si sarebbe dovuto riunire una settimana più tardi.

La distensione delle misure precauzionali, annunciata mercoledì dal NSC, riguarda i contatti sociali, gli eventi e la quarantena. Secondo Vansteekiste questa decisione è prematura e potrebbe causare confusione tra la popolazione, dal momento che avviene in un momento in cui i casi continuano a salire in tutto il paese. Nelle ultime due settimane, il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo (ECDC), ha registrato in Belgio 120 nuovi casi su 100000 abitanti.

Un “barometro” per il governo belga

Le autorità non hanno ancora gli strumenti necessari per decidere se allentare o restringere le misure, ha detto Vansteekiste durante una intervista televisiva, subito dopo la conferenza stampa del NSC.

Lo psicologo ha aggiunto che il governo non è ancora pronto a gestire misure eterogenee per aree della nazione diverse per numero di casi.

“Per esempio, non ha senso applicare un codice arancione su tutta l’area delle Fiandre, se c’è un’emergenza solo a Limburg,” ha spiegato.

Vansteekiste ha ammesso che alcuni degli allentamenti appena annunciati erano necessari, dal momento che alcuni provvedimenti – come l’uso delle mascherine all’aperto, anche in luoghi isolati – “non erano sensati”. Insiste, però, sull’essenzialità un “barometro” che guidi il governo, per aiutare la popolazione a comprendere la situazione e ad adattarsi ad essa. Dal momento che il NSC non aveva tale sistema, avrebbe dovuto rimandare queste decisioni di almeno una settimana.

La comunità scientifica belga ha sostenuto Vansteekiste e le sue affermazioni. Molti si sono detti preoccupati dalla scelta di diminuire le precauzioni, soprattutto per quanto riguarda i ritrovi sociali: è ancora troppo presto.