di Dominic Stephen

 

L’essere allontanati dalla loro terra è un pattern familiare per la tribù dei nativi americani Sioux del Nord Dakota. nel 1950 , il governo americano rimosse le tribù che risiedono in tutto il bacino del fiume Missouri , liberando terra per preparare l’installazione di una serie di dighe idroelettriche. Le cicatrici di questo allontanamento forzato, che risale a più di sessanta anni fa, sono ancora profondamente sentite dalle tribù locali duramente colpite da quegli eventi.

Il nome ‘Dakota’ significa ”amici” o “alleati” nella lingua Sioux . anche se la situazione nella regione degli Standing Rock Sioux in Nord Dakota è tutto tranne che amichevole. All’inizio dell 2014, la Energy Partners, L.P. con sede in Texas ha annunciato i piani per la costruzione del Dakota Access Pipeline (DAPL) per trasportare il petrolio dall’ Illinois al Nord Dakota. Tuttavia, nel percorso del condotto una parte doveva passare nei pressi del lago Oahe in Nord Dakota, in prossimità della riserva Standing Rock della tribù di nativi americani Sioux. Il lago Oahe è una fonte primaria di acqua per la riserva, e il lembo di terra dove dovrebbero passare le tubature è considerato sacro dalla tribù. La privazione di una fonte di accesso all’acqua e la violazione della sacralità di un territorio cosi importante per la comunità ha scatenato una reazione forte da parte di attivisti in tutto il mondo che da mesi sostengono questa battaglia dei Sioux.

Le proteste  contro la costruzione dell’oleodotto sono iniziate in Nord Dakota nella primavera del 2016, e da allora migliaia di attivisti, giornalisti e membri di altre tribù sono accorsi a sostegno. Nel mese di dicembre, sotto lo slogan “Veterans stand“, centinaia di veterani di guerra americani sono accorsi sul posto , formando uno scudo umano a sostegno della battaglia dei manifestanti e degli indigeni contro le forze di polizia e di sicurezza.

Attivisti e tribù pensavano di avercela fatta, quando nel dicembre 2016, un ufficio tecnico del governo, sotto l’amministrazione Obama, decise di non concedere la licenza che avrebbe permesso al progetto DAPL di andare avanti. Nel tentativo di risolvere la controversia ‘rispettando le tradizioni dei nativi americani “, il dipartimento -l’Army Corps of Engineers- aveva cominciato a cercare percorsi alternativi per il gasdotto.

L’amministrazione Trump, tuttavia, mettendo in discussione la ‘scienza politicizzata del cambiamento climatico’ ‘dei cambiamenti climatici, e nel tentativo di ridurre la dipendenza energetica americana dall’estero ha emesso un decreto nel mese di gennaio 2017 dando il via libera al progetto di DAPL. Nel mese di febbraio, l’addetto stampa di Trump, Sean Spicer, ha affrontato la questione durante una conferenza stampa , affermando ‘siamo convinti che il progetto andrà avanti e l’oleodotto verrà costruito’, aggiungendo ‘il nostro team è in contatto con tutte le parti coinvolte. Hanno lavorato e comunicare avanti e indietro. ‘Nonostante la militarizzazione dell’area ad opera della polizia, dell’esercito e di agenti privati, sul posto c’è ancora un nucleo di manifestanti..

 

Le banche olandesi

 

Il settore bancario internazionale è stato oggetto di critica negli ultimi mesi. Sul sito dell’Ong BankTrack sono elencate le 17 istituzioni finanziarie che, il 16 agosto 2016, hanno garantito alla cordata che ha vinto l’appalto per il progetto, un prestito di $ 2,5 miliardi di dollari. Tra i finanziatori c’erano le banche olandesi ING e ABN AMRO.

ABN afferma sul suo sito web di non essere coinvolta nel DAPL ma di avere solo interessi economici indiretti con la società Energy Transfer Equity (ETE), incaricata di costruire il gasdotto stesso. ABN AMRO, secondo Food & amp; Water Watch , ha investito fino ad oggi $ 45 milioni in ETE. Con riferimento alle loro politiche etiche e di sostenibilità, ABN Amro ha affermato sul suo sito web di auspicare una soluzione non violenta e accettabile tra le parti. Ma se tale soluzione non fosse a portata, ha scritto il colosso bancario olandese, ABN è disponibile a ritirarsi dal progetto annunciando l’intenzione lo scorso 22 febbraio.

Diversa la faccenda per ING: la banca è direttamente coinvolta nel finanziamento del DAPL; secondo ING, ritirarsi dal progetto è impossibile perché impedito da vincoli contrattuali ; il loro coinvolgimento ammonta ad azioni del valore di $ 120 milioni. Quando le proteste contro l’oleodotto sono montate, tuttavia, ING si è liberata delle del progetto che aveva acquisito (del valore di 220 milioni di $), esprimendo disapprovazione per il trattamento subito dalla tribù Sioux, impegnandosi a rifiutare ulteriori richieste di finanziamento legate al progetto.

Greenpeace è stata molto attiva nel criticare il sostegno finanziario della banca olandese. Nel febbraio di quest’anno, un gruppo di attivisti ha “portato un oleodotto” direttamente di fronte alla sede della banca ING ad Amsterdam. ‘Stiamo dando loro un assaggio della loro stessa medicina’, ha detto la leader della campagna Kim Schoppink, richiamando l’attenzione sulla distruzione e la mancanza di rispetto causati dalla costruzione di nuove infrastrutture per estrarre combustibili fossili.