The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Cosa ha detto al Parlamento olandese, il ministro delle finanze Wopke Hoekstra su Italia, MES e Eurobonds?

Di seguito la trascrizione delle risposte all’interrogazione parlamentare del deputato olandese del Groenlinks (sinistra rosso-verde) Bart Snels date dal ministro delle finanze olandese Wopke Hoekstra lo scorso 26 marzo, a proposito dei piani dell’esecutivo per la gestione europea della crisi provocata dal coronavirus.

L’originale (in olandese)

Man mano che gli sviluppi nei mercati della Spagna e, in particolare, dei titoli di Stato italiani diventano più turbolenti di giorno in giorno, siete pronti a mettere in atto il MES per garantire la stabilità della zona euro?

Il MES è stato istituito nel 2012 in risposta alla crisi della zona euro. Lo scopo del MES è liberare risorse e fornire sostegno alla stabilità agli Stati membri del MES che devono affrontare o minacciati da gravi difficoltà di finanziamento e garantire così la stabilità finanziaria nell’area dell’euro e negli Stati membri (cfr. Anche l’articolo 3 del Trattato MES).
Per raggiungere questo obiettivo, il MES ha a disposizione vari strumenti per i paesi che sono a rischio di problemi finanziari, anche se la causa immediata di tali problemi è l’epidemia di COVID-19. La disponibilità del MES nell’ambito del quadro di gestione delle crisi dell’Eurozona è stata identificata nella dichiarazione dell’Eurogruppo del 16 marzo 2011. Per un dispiegamento concreto delle risorse del MES, gli Stati membri devono richiedere un sostegno alla stabilità (cfr. Anche l’articolo 13 della Convenzione MES).



I paesi dell’eurozona dovrebbero ricevere un sostegno  di emergenza attraverso la linea di credito condizionata migliorata dell’ESM, in questa situazione eccezionale siete pronti a discutere a favore di condizioni flessibili e cosa significano queste condizioni per voi?

Il MES fornisce sostegno alla stabilità sulla base di condizioni rigorose adeguate allo strumento di assistenza finanziaria prescelto (cfr. Anche articoli 3 e 12 del trattato MES). Tali condizioni vanno da un programma di aggiustamento macroeconomico al costante rispetto delle condizioni predefinite per l’ammissibilità al sostegno (cfr. Anche l’articolo 12 del trattato MES). Tali condizioni sono stabilite in un protocollo d’intesa prima dell’uso di uno strumento.
La linea di credito pensata nell’ambito dell’Enhanced Conditions (ECCL) è stata progettata dal Consiglio dell’ESM come una linea di credito preventiva mediante una linea guida.2 Questa linea di credito è disponibile per gli Stati membri che sono ancora finanziariamente ed economicamente in salute e possono prendere in prestito autonomamente ma allo stesso tempo presentano alcune vulnerabilità finanziarie ed economiche. Le condizioni da stabilire nel suddetto memorandum dovrebbero affrontare tali vulnerabilità per garantire il rafforzamento della situazione economica e finanziaria del paese. In questo modo, l’ECCL può segnalare ai mercati che l’economia dello Stato è sufficientemente solida dal punto di vista economico e finanziario per continuare a fornire finanziamenti. Allo stesso tempo, vengono affrontate le restanti vulnerabilità.
Nessun ECCL è stato richiesto da quando l’ESM è stato istituito, quindi le condizioni ECCL non sono mai state formulate in pratica. I Paesi Bassi si impegnano a garantire il rispetto di una forma appropriata di condizioni per ciascuno strumento.



Qual è la sua opinione, ministro, sulla correlazione tra i recenti interventi della Banca centrale europea nel mercato dei titoli di Stato degli Stati membri dell’area dell’euro (ad esempio Italia e Grecia) e una risposta politica coordinata degli Stati membri dell’area dell’euro per riportare la calma sui mercati degli Stati membri dell’area dell’euro?

Come indicato nella lettera di gabinetto del 17 marzo scorso, l’epidemia del virus Corona è globale, così come gli effetti economici dell’epidemia.3 La mitigazione di questi effetti richiede cooperazione e coordinamento internazionali. Il governo attribuisce grande importanza alla cooperazione all’interno dei vari forum internazionali in cui si discute di questo. Varie misure sono state adottate in un contesto europeo nelle ultime settimane. Ad esempio, il 13 marzo la Commissione europea ha pubblicato una comunicazione che annunciava un pacchetto di misure europee incentrato in particolare sulle conseguenze socioeconomiche del virus. La parte macroeconomica del pacchetto comprende la Corona Response Investment Initiative (CRII) e altre iniziative all’interno del bilancio dell’UE, il gruppo BEI, l’applicazione del patto di stabilità e crescita (PSC) e le norme sugli aiuti di Stato. Ad esempio, la Commissione europea e il gruppo BEI hanno proposto un programma di sostegno mirato che dovrebbe mobilitare da 28 a 40 miliardi di EUR in finanziamenti per le PMI. Vengono inoltre discusse la politica sociale, la sicurezza dell’approvvigionamento di dispositivi medici e medicinali e l’aviazione. Il governo è soddisfatto che la Commissione abbia preparato una comunicazione esauriente su questo argomento a breve termine, che contiene già una serie di proposte legislative.
È importante che le istituzioni europee esaminino come possono contribuire a mitigare le conseguenze dell’epidemia di COVID-19 nel loro mandato. Come sapete, la BCE prende le decisioni in modo indipendente. Come indicato anche nella domanda 1, la disponibilità del MES è pari a parte del quadro di gestione delle crisi dell’Eurozona identificato nella dichiarazione dell’Eurogruppo del 16 marzo scorso.

Concorda con il primo ministro Conte, il presidente Macron e la Cancelliera Merkel che questa eccezionale situazione economica giustifica il fatto che gli Stati membri dell’Eurozona possano emettere congiuntamente debito (Eurobond) per combattere gli effetti economici del corona?

Il governo ritiene che l’emissione congiunta di titoli di debito da parte degli Stati membri dell’Eurozona, a parte l’emissione di debito già effettuata nell’ambito dei programmi di sostegno del MES, sia indesiderabile. L’emissione congiunta di debito tramite (forme di) Eurobond non risolve le sfide strutturali degli Stati membri dell”Unione monataria. L’emissione congiunta di debito può quindi minare gli incentivi per una politica ragionevole a livello nazionale. L’importanza di una politica economica strutturalmente solida in generale e il perseguimento di finanze pubbliche sostenibili in particolare è sottolineata dall’epidemia di COVID-19. In parte a causa delle prudenti politiche di bilancio degli ultimi anni e della creazione di riserve, il gabinetto [olandese n.d.r.] ha ora l’opportunità di conservare posti di lavoro e di limitare le conseguenze economiche dell’epidemia.
Mentre l’attuale situazione economica è certamente eccezionale e non si può incolpare i paesi per l’epidemia di COVID-19, persistono i problemi fondamentali di cui sopra relativi all’emissione di debito comune. L’epidemia di COVID-19 colpisce l’intera Unione Europea. Il sostegno finanziario dell’Unione europea è già fornito a tutti i paesi, sia direttamente dal bilancio dell’UE sia, ad esempio, dalla Banca europea per gli investimenti, come spiegato anche nella risposta alla lettera del gabinetto di cui alla domanda 3.
Il 17 marzo scorso, il MES è stato reso disponibile come ultima risorsa per i paesi dell’area dell’euro che hanno problemi di finanziamento a causa della crisi COVID-19, come indicato nella risposta alla domanda 1.



Concorda con il collega francese Le Maire che il MES, attraverso garanzie e la Banca europea per gli investimenti in quanto parte emittente, può svolgere un ruolo importante nella questione del debito comune degli Stati membri dell’Eurozona e come lavorerà per garantire che l’emissione di euro – le obbligazioni possano aver luogo a breve termine?

Per quanto riguarda gli eurobond, rimando alla risposta alla domanda 4.
Non esiste una proposta concreta per il ruolo della Banca europea per gli investimenti (BEI) in quanto parte emittente del debito comune degli Stati membri della zona euro. Il compito della BEI è di finanziare progetti che contribuiscano alla coesione o all’instaurazione o al funzionamento del mercato interno e progetti di interesse comune per diversi Stati membri. Sia gli enti pubblici che quelli privati ​​possono richiedere finanziamenti dalla BEI presentando una proposta dettagliata per un progetto specifico che soddisfi le condizioni della banca. La BEI emette obbligazioni (in euro e altre valute) per svolgere questo compito. Il finanziamento del bilancio delle amministrazioni pubbliche di parte dei suoi azionisti (vale a dire i paesi dell’euro) non è coperto dai compiti statutari della BEI.
Come indicato nella risposta alla domanda 1, il MES è stato istituito come ultima risorsa per i paesi che stanno affrontando (o sono a rischio di) problemi di finanziamento e il MES ha vari strumenti per questo.