NL

NL

Corruzione nella politica olandese? Presentatore tv: l’abbiamo importata dai paesi mediterranei. Serve “pulizia culturale”

Ton Hooijmaijers, del VVD è stato condannato dal tribunale a 2,5 anni di carcere per corruzione, riciclaggio di denaro e contraffazione.

L’ex sottosegretario, sempre del VVD, Robin Linschoten è stato condannato a cinque mesi di prigione (tre dei quali con la condizionale) per evasione fiscale.

L’ex consigliere comunale, ancora del partito liberale VVD Sjoerd Swane è stato condannato in contumacia nel 2011 per aver accettato tangenti, per contraffazione e frodi fiscali ed è ancora latitante. E poi, l’ultimo caso, il vicesindaco dell’Aja, Richard de Mos è sospettato di corruzione.

Per il presentatore Jort Kelder, tuttavia, la corruzione non è responsabilità di chi è stato condannato ma della ‘cultura importata’; durante il suo programa su NPO1, ha detto infatti

“E se l’intero clienteleismo fosse nella cultura mediterranea che stiamo importando?” Kelder ha fatto riferimento, tra l’altro, a una serie di co-sospettati come nel caso di Richard de Mos: l’assessore Rachid Guernaoui e due imprenditori turco-olandesi dell’horeca. Non contento, Kelder ha sollevato la questione se non fosse necessario eseguire “un’operazione di pulizia culturale”.

 

Molti ascoltatori hanno risposto indignati a quel suggerimento. Anche l’ex caporedattore di HP / De Tijd Bert Vuijsje e il caporedattore di OneWorld sono saltati sulla sedia alle insinuazioni di Kelder.

 

 

 

SHARE

Altri articoli