The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Corruzione multinazionali all’estero, Olanda maglia nera

Le aziende olandesi colpevoli di corruzione all’estero non vengono giudicate nei Paesi Bassi, scrive NOS citando un rapporto dell’organizzazione non governativa Transparency International.  I Paesi Bassi non stanno quindi rispettando gli accordi internazionali stipulati per combattere la corruzione.

Secondo i ricercatori, l’Olanda otterrebbe un punteggio pessimo nella categoria “maggiori paesi esportatori con un controllo moderato”, insieme a Canada e Austria.

Le aziende e le persone colpevoli di corruzione all’estero spesso fuggono alla giustizia, afferma Transparency International e gli informatori non ottengono una buona tutela.

“Spesso si tratta di questioni molto complicate”, afferma Van der Laan, direttore della sezione olandese dell’organizzazione. Shell, ad esempio, è  coinvolta in uno scandalo di corruzione in Nigeria con una società italiana [ENI, n.d.r.] il caso è ora in tribunale a Roma”, ha detto Van der Laan a NOS Radio 1 Journaal.

Secondo lei, un buon segnale non verrà dato se non vengono imposte sanzioni o se le aziende vengono colpite da sanzioni moderate. Van der Laan afferma che la corruzione può essere affrontata meglio se a pagare è la leadership. “Molte società sono solo “cassette delle lettere” delle lettere all’estero, gestite da avvocati e delle quali non si sa nulla.

Secondo il rapporto di Transparency International, gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Svizzera sono i migliori nell’affrontare la corruzione delle loro aziende all’estero. Anche Germania, Spagna, Francia, Portogallo e Italia stanno facendo meglio dei Paesi Bassi.