The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Coronavirus, studenti universitari senza lavoro. Come facciamo?



Studenti universitari chiedono un susssidio per i danni causati dalla diffusione del COVID-19. Molti di questi dicono che hanno perso i lavori part-time e rischiano di ritardare i loro studi per colpa del virus. Per di più, ci sono i costi della retta, dell’affitto e dei trasporti che devono essere pagati. 

Le organizzazioni studentesche, tra cui LSVB, ISO e FNV Jong, hanno quindi richiamato l’attenzione dei media su queste conseguenze della crisi. Per esempio, secondo quanto riportato da Alex Tess Rutten, portavoce della LSVB, a BNR il numero verde creato per gli studenti che hanno visto una grossa diminuzione del reddito ha ricevuto circa 1300 telefonate in sole due settimane. Secondo Tess Rutten, “in media, gli studenti stanno perdendo tra i 500 e 600 euro al mese”. 

Il sistema di prestiti studenteschi ha reso gli studenti molto dipendenti dai lavori part-time. “Circa il 45% del loro reddito infatti dipende da questi lavoretti e, scomparendo questi, il problema si aggrava”, ha detto la stessa portavoce.