The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Coronavirus, RIVM: nei prossimi giorni vedremo gli effetti delle misure di contenimento



Author: Norbert Kaiser Source: Wikipedia     License: Attribution-Share Alike 2.5 Generic

Stando all’Istituto olandese di Sanità, RIVM, già dalla prossima settimana gli effetti delle misure adottate dal governo per contrastare la diffusione del coronavirus, dovrebbero cominciare a farsi vedere, dice Jacco Wallinga, analista di RIVM a NOS.

Secondo lui è necessario che risultati arrivino. Wallinga si basa principalmente sul numero di ricoveri ospedalieri perchè con pochi test, il numero di contagi è un dato di scarso rilievo. Con i ricoveri ospedalieri e il decorso della malattia, possono volerci un paio di settimane prima di vedere dei risultati apprezzabili.

Il “divieto” di stringere la mano, ad esempio, produrrà effetti solo ora, essendo stata introdotta il 9 marzo, dice NOS. “Il virus si è diffuso molto rapidamente nei Paesi Bassi. Ogni 3-4 giorni, il numero di infezioni è raddoppiato”, conclude Wallinga. Al contrario, secondo l’analista, dopo il 9 marzo, dovremmo assistere ad un declino del contagio. O quantomeno ad un livellamento.

Secondo Wallinga, l’effetto significativo sulla curva dei contagi, con l’introduzione della misura principale – il consiglio di lavorare da casa e la cancellazione di grandi riunioni – del 12 marzo sarà visibile solo tra pochi giorni.

La domanda che si pone il portale è: in Olanda, il numero di letti per la terapia intensiva è sufficiente? Secondo Wallinga, il numero raggiungerà i 2.500 alla fine di maggio, nel peggiore degli scenari.

Attualmente ci sono 575 posti letto per pazienti con corona disponibili in terapia intensiva in tutti i Paesi Bassi, ma questo numero salirà a breve a 1.000. In una fase di crisi il totale può raggiungere 1500, ma devono ancora essere trovati 500 respiratori. In ogni caso, mancano ancora 1000 posti letto,

L’analista prevede che nello scenario più positivo, ci saranno 1.000 persone in terapia intensiva all’inizio di aprile, e il numero diminuirà lentamente in seguito. “Con le cifre attuali, non è chiaro quale sarà lo scenario ma il fatto di assistere ad un appiattimento della curva, può far ben sperare”, ha detto ancora l’esperto di RIVM.

Una delle incertezze è il numero di giorni in cui una persona contagiata dal coronavirus rimane in terapia intensiva. RIVM ora prevede dieci giorni.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!