Author: Alupus Source: Wikipedia  License: CC BY-SA 3.0

In Olanda coronavirus? Secondo RIVM, l’autorità sanitaria olandese, no. L’agenzia ha avviato un’indagine dopo che a un uomo tedesco di Selfkant, un paesino frontaliero del Limburgo, è stato diagnosticato il coronavirus.  L’uomo ha visitato il Limburgo la scorsa settimana e ora i funzionari olandesi stanno rintracciano i suoi movimenti per cercare di capire chi, nella regione, possa essere venuto in contatto con lui.

RIVM non ha detto dove nel Limburgo fosse stato l’uomo ma ha fatto sapere che tutti coloro che sono entrati in contatto con l’uomo e verranno rintracciati saranno sottoposti ad un test. Maggiori dettagli sull’indagine sono previsti entro mercoledì.

L’uomo, 47 anni, aveva mostrato sintomi di un’infezione polmonare e ora è ricoverato in un reparto di isolamento in un ospedale di Dusseldorf. Secondo i media tedeschi locali, potrebbe aver contratto il virus attraverso un collega che era stato per lavoro in Cina. Si dice anche che la moglie dell’uomo soffra di sintomi del coronavirus.

RIVM ha anche affermato che le notizie rimbalzate sui social media secondo cui un uomo del Brabante era risultato positivo sono false. Finora non ci sono casi confermati nei Paesi Bassi. Nel frattempo, 13 cittadini olandesi sono ancora bloccati nel loro hotel, alle Canarie, sull’isola spagnola di Tenerife, dove ad un grupoo di vacanzieri italiani è stato diagnosticato il coronavirus. Per il momento rimarranno lì e verranno sottoposti ad un test il prima possibile, hanno fatto sapere le autorità iberiche.

Il Ministero degli Affari Esteri  ha emesso un’allerta sanitaria coronavirus Olanda per coloro che si mettessero in viaggio verso l’Italia.  Per il momento, l’avviso si limita ad invitare a viaggiare ben informati sulla situazione nel nostro paese.

Sabato il governo italiano ha annunciato misure drastiche per prevenire l’ulteriore diffusione del corona virus, che ha colpito molto duramente a nord. Due persone sono morte a causa della malattia negli ultimi giorni e da allora sono state segnalate più di 130 casi.